Archivio

Archive for febbraio 2014

Al ministero dell’Ambiente un oppositore dei referendum. Ringraziamo Renzi da parte di 27 milioni di italiani

acquaAl ministero dell’Ambiente un oppositore dei referendum.
Ringraziamo Renzi da parte di 27 milioni di italiani

«I partiti che hanno sostenuto il referendum sull’acqua e le regioni che hanno proposto ricorso alla Corte Costituzionale si devono ora assumere la responsabilità di aver causato un danno enorme al Paese nel suo momento più difficile».
Questa è l’opinione dell’attuale Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti sui referendum sull’acqua rilasciata circa un anno dopo i referendum di Giugno 2011, all’indomani della sentenza con cui la Consulta ha dichiarato incostituzionale il provvedimento che aveva riproposto le norme abrogate.
Da parte del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e dai 27 milioni di italiane e italiani che scelsero il sì un affettuoso ringraziamento al Presidente del Consiglio Matteo Renzi per aver pensato proprio ad un grande oppositore dei referendum e della volontà popolare per il delicato ruolo di Ministro dell’Ambiente.

Roma, 27 Febbraio 2014.
Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Annunci

Legambiente:come volevasi dimostrare…a Scarpino. Anche il Comune sapeva dei rischi

differenziatadal CORRIERE MERCANTILE
19-02-2014
DIEGO CURCIO

Non solo la Provincia, ma anche il Comune di Genova aveva chiesto ad Amiu, tre anni fa, di aumentare la capacità della vasche di decantazione di Scarpino, per evitare gli sversamenti di percolato. Sversamenti che, a quanto sostiene l’ex assessore al Ciclo dei rifiuti Carlo Senesi (in carica dal 2007 al 2012) erano già avvenuti in passato, anche se in periodi limitati di tempo. «Quando pioveva parecchio – sostiene l’ex esponente della giunta Vincenzi – poteva accadere che le vasche non riuscissero a contenere il percolato e quindi l’Azienda fosse obbligata a sversare nel Chiaravagna. Dopo un paio di episodi analoghi con relative ordinanze, insieme agli uffici dell’Ambiente, abbiamo deciso di inviare una lettera ad Amiu invitandoli a verificare se fosse necessario aumentare la capacità della vasche. Ma non ci arrivò mai alcuna risposta. Naturalmente – precisa Senesi – gli sversamenti erano molto rari. Durante il mio ciclo amministrativo ricordo tre o quattro casi in tutto e sempre per pochi giorni, al massimo una settimana. Nulla a che vedere con quanto sta accadendo adesso». Leggi tutto…

Basta sprechi e indennizzi gonfiati per il Terzo valico

notavIniziamo a prendere coscienza dello scandaloso spreco di denaro pubblico dovuto al terzo valico, connessione ad alta velocita’ ferroviaria Fegino – Tortona. Opera dal costo presunto di oltre sei miliardi di euro, esclusivamente per un primo lotto funzionale del collegamento ad alta velocita’ ferroviaria Genova – Milano. Di questi miliardi solo circa un miliardo e mezzo e’ stato stanziato; gli altri fondi non ci sono e difficilmente si troveranno.  Al termine di questi lavori, le gallerie dove eventualmente passerebbero i treni non saranno ancora iniziate !!
La situazione si arricchisce di nuovi sprechi: a molti proprietari di terreni e immobili interessati dall’opera vengono corrisposti indennizzi ingenti, fuori mercato. In cambio di silenzio e assenso.
Ai fondi per gli indennizzi partecipa anche la regione Liguria che ha stanziato milioni di euro per aiutare Cociv per indennizzi costosissimi e fuori mercato.  Fondi che vengono sottratti al trasporto pubblico ferroviario, che, infatti, e’ colpito da ulteriori tagli di servizio nelle varie direttrrici con il Piemonte.

Antonio Bruno
capogruppo Federazione Sinistra Comune di Genova

[Comunicato Stampa No Gronda] Consultazioni PD Ligure – Quello che le persone vogliono

nogrondaQUELLO CHE LE PERSONE VOGLIONO

Vogliamo complimentarci per il risultato raggiunto dal Partito democratico ligure in merito alle consultazioni (primarie) per l’elezione del nuovo segretario regionale.
Non solo sono stati capaci di allontanare centinaia di migliaia di elettori, nel corso di questi anni, ma addirittura hanno fatto scappare pure i propri iscritti! Il problema, cari candidati segretari e cari dirigenti del Pd, forse non ve lo siete ancora posto. Ed è questa la cosa più grave. Intanto bisogna ricordarsi chi voi rappresentate: i cittadini. E non solo quelli che vi hanno votato, ma tutti. E quindi il vostro “fine primo” deve essere proprio fare il bene del cittadino e della sua comunità, prima che il vostro. Purtroppo questo, qualcuno all’interno del Pd, lo avrebbe dovuto comprendere qualche anno fa, quando il numero degli elettori aveva intrapreso un forte andamento verso il basso.
Andamento che ha portato al risultato di ieri, dove l’affluenza alle consultazioni è stata di circa 20.000 votanti, contro gli oltre 85.000 delle ultime primarie. Questo dato, unito a quello che vede il Partito democratico non essere più il primo partito della Liguria, come ricordava il candidato Stefano Gaggero in un’intervista rilasciata alcuni giorni fa, deve non solo far riflettere i vertici politici, ma farli letteralmente scrollare dalle loro poltrone dorate, per riuscire a confrontarsi con i cittadini su quello che gli stessi realmente vogliono. Leggi tutto…

Amiu sapeva del rischio inquinamento Cassinelle. Il Sindaco intervenga!!!

antonio2smallLa vicenda del rio Cassinelle inquinato dal percolato della discarica di Scarpino si arricchisce della notizia che, fin dalla seconda meta’ del 2011, la Provincia di Genova aveva chiesto ad Amiu opere per ridurre i rischi di tracinamento del percolato dalle vasche poste al piede della discarica. Ora i dirigenti di Amiu hanno escluso che nel passato ci fossero state situazioni analoghe all’inquinamento di questi giorni. Dirigenti allora in servizio che non potevano non sapere che le vasche erano insufficienti per contenere tutto il “rifiuto liquido” di Scarpino. Tra questi, l’attuale amministratore delegato Pietro D’Alema (oggi direttore generale), che e’ finito nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta avviata dalla Procura di Genova.
Mi sarei aspettato qualche intervento del Sindaco Doria in merito almeno alla sospensione cautelativa dei dirigenti coinvolti nell’inchiesta, ma a tutt’oggi niente e’ successo e mi chiedo il perche’.

Antonio Bruno
capogruppo Federazione Sinistra Comune di Genova

Comunicato Stampa Comitati No Gronda: le incoerenze del PD

nogrondaE’ stupefacente!
Si rimane a dir poco allibiti a leggere le dichiarazioni dei candidati alla segreteria regionale del Pd.
Andiamo per passi. Qualche giorno fa sul Secolo XIX vengono intervistati i futuri candidati del Pd ligure alla guida della Regione, su quelli che sono considerati i temi caldi della politica locale.
I tre sono Giovanni Lunardon, Stefano Gaggero e Alessio Cavarra.
Premesso che, come insegna il Renzi nazionale, scopiazzare nuove regole da altri non guasta mai (soprattutto se poi non si applicano…), tutti e tre si fanno promotori della limitazione del numero dei mandati e dei tagli ai costi della politica.
Si chiede ai tre di esprimersi in merito a temi quali la gronda, la politica urbanistica, i centri commerciali, la privatizzazione dell’aeroporto e l’immobilismo della nostra regione.
Peccato che chi ha preparato l’intervista abbia casualmente (…) proposto prima il tema della gronda e successivamente quello della politica urbanistica.
Partendo da quest’ultima domanda, vediamo infatti che tutti e tre, improvvisatisi paladini dell’ambiente, propongono una politica di “cemento zero” e “basta cemento”.
Ma alla domanda precedente, quella sulla gronda, avevano risposto praticamente all’unanimità e senza alcun dubbio in proposito – a parte una esitazione del civatiano Gaggero – “favorevole senza se e senza ma”!
Quando si dice essere coerenti. Leggi tutto…

Deserto dei tartari a Pontedecimo: e’ il Terzo Valico

tavsaiaduaLa militarizzazione che Pontedecimo sta vivendo in queste ore e’ significativa del degrado che il Terzo Valico (collegamento ad alta velocita’ ferroviaria Fegino – Tortona di cui non sono finanziate le gallerie dove passerebbe il treno perche’ mancano oltre 4,5 miliardi di euro) sta imponendo ai territori, alla politica, alla cultura e all’economia di Liguria e basso Piemonte.
Si aggiunge alle decine di denunce che stanno arrivando per le manifestazioni pacifiche di questa estate. I blindati e i blocchi stradali richiamano gli ambienti del “Deserto dei Tartari”: decine di esponenti delle forze dell’ordine che, invece di contrastare la criminalita’ organizzata, aspettano improbabili contestazioni.
Nelle coscienze di tutti stanno i soldi sprecati che, invece, potrebbero essere utilizzati per il trasporto pubblico e l’ammodernamento delle linee ferroviarie.

Antonio Bruno
capogruppo Federazione Sinistra Comune di Genova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: