Archivio

Archive for marzo 2017

Iren impone a Giunta Doria l’eliminazione del piano industriale virtuso del Conai

Iren impone a Giunta Doria l’eliminazione del piano industriale virtuso concordato da Comune di Genvoa e Conai
Il Consiglio Comunale di Genova aveva bocciato la proposta di Iren di NON raggiungere il 65% di Raccolta differenziata. Nonostante questo, la nuova delibera proposta contiene nuovamente questa violazione degli obiettivi di legge. Infatti, a pagina 19 del Piano Industriale allegato alla delibera, Iren prevede il raggiungimento del 54% nel 2020 !!! Qualche riga prima si afferma di voler garantire “il riciclo del 65 % dei rifiuti”. Si fa volutamente confusione: la quota del 65 % di riciclo si raggiunge aggiungendo al 54 % di Raccolta Differenziata la produzione di CSS (Combustibile Solido Secondario) per avviarlo all’incenerimento!! Questo è in aperto contrasto con il Piano Metropolitano dei Rifiuti e il Piano Industriale votato in precedenza dal Consiglio Comunale di Genova!
Il porta a porta rimane residuale.
L’impianto di trattamento dell’organico non potrà produrre compost di qualità, senza la raccolta domiciliare, perchè la raccolta stradale non può che produrre organico contenente molte impurità.
IREN vuole il CSS per alimentare i propri inceneritori di Torino e Parma, semivuoti per l’aumento di RD e la diminuzione dei rifiuti.
In questo modo i genovesi pagheranno sia i costi di trasporto sia quelli di smaltimento.
Il CSS, non viene venduto ma ceduto (smaltito), in alcuni casi gratis, in altri pagando una tariffa da 30 a 60 €/t, a centrali a carbone in Liguria, a cementifici in Piemonte, a inceneritori.
Esiste un’alternativa: il recupero di materia seconda da vendere e riciclare (FABBRICA DEI MATERIALI), con attrezzature per la selezione meccanica; in seguito, all’aumento della RD, la selezione separerà plastica, carta, vetro, metalli.
Solo aumentando la RD, si minimizza il ricorso alla discarica, creando molti nuovi posti di lavoro nel riciclo (200 nuovi posti di lavoro nel piano votato dal Consiglio Comunale e superato da Iren).
Antonio Bruno

Privatizzazione AMIU: con il Quarto Polo una lotta durissima

Nonostante l’assenza (anzi la negazione) di un mandato da parte del Consiglio Comunale, la Giunta Doria decide di consegnare AMIU alla indebitatissima multiutility IREN (con significativa presenza di banche e fondi di investimento).
Succede al termine di una procedura di evidenza pubblica che ha visto IREN, AMIU e Comune di Genova lavorare alacremente nei mesi precedenti per la definizione di sinergie, con la scontata conclusione di Iren unico soggetto che abbia risposto all’Avviso – Invito emesso dal Comune di Genova.
Dopo anni di inerzia verso la raccolta differenziata, nonostante gli appelli di ambientalisti, abitanti e delle nostre forze politiche, il centro sinistra vuole addossare ai cittadini l’incapacità o la determinata volonta’ di cedere un servizio pubblico a banche e fondi di investimento (vedi esperienza di Mediterranea delle Acque in termini di diminuzione occupazione, aumento tariffe, disastro delle manutenzioni, ma anche aumento dividendi per gli azionisti).
Le alternative ci sono e le associazioni le hanno esposte fino alla serata di ieri a Palazzo Ducale.
Faremo un’opposizione durissima, insieme ai soggetti che lavorano a un “Quarto Polo” per la gestione della nostra città.
E’ la cartina di tornasole per discernere chi vuole promuovere servizi e beni pubblici e chi li vuole svendere.
Antonio Bruno
Categorie:Comunicati stampa

Convegno: Aggregazione AMIU-IREN, le alternative esistono

Ciao a tutti, il GCR si è attivato molto sul territorio genovese e con
diverse realtà politiche locali per combattere l’idea della Giunta
Comunale che vuole aggregare AMIU con IREN.
Il GCR ha, tra le altre attività, diffuso il testo di cui all’allegato
per contrastare la delibera e proporre altre vie per permettere ad AMIU
di dotarsi degli indispensabili impianti per raggiungere le prestazioni
previste dal piano di Città Metropolitana. Vie alternative che passano
anche attraverso finanziamenti della Banca Europea o sistemi di tipo
ESCO o altre forme di finanziamento attivabili per permettere alle
aziende che di mestiere progettano,finanziano, costruiscono, gestiscono
impianti di questo tipo in affiancamento alle aziende comunali. Il
percorso porterebbe, attraverso l’affiancamento continuo di personale
variamente qualificato di AMIU, un incremento di competenze da rendere,
un domani, AMIU autonoma.
Tutto ciò premesso è stato organizzato un incontro pubblico in cui il
GCR Ligure metterà a confronto le aziende del settore impiantistico con
i dubbi dei Consiglieri Comunali.
L’incontro si terrà:
A PALAZZO DUCALE DI GENOVA, SALA DELL’ASSOCIAZIONE STORIA E PATRIA
(entrando da De Ferrari la prima a destra) GIOVEDI’ 23 A PARTIRE DALLE
ORE 17.
Sono invitati cittadini, Consiglieri Comunali e rappresentanti di
diverse aziende impegnate in questo settor.
Al momento le adesioni delle aziende sono:
P&W di genova, progetazione di differenti impianti di trattamento
dell’umido.
ENTSORGA di Tortona Progettazione e realizzazione di impianti di
compostaggio
in forse:
Ladurner, specializzata in biodigestori con compopostaggio e
trattamenti meccanico biologici degli scartital quale
VI LASCIO CON QUANTO SCRITTO DA ENZO FAVOINO CHE SEMBRA MOLTO CENTRARE
LO SPIRITO DELL’INIZIATIVA:
“”Questione Convegno – di sicuro proposta che è utile a stimolare
iniziative e riflessioni.
Senza pretesa di influenzare le vostre decisioni, ma come contributo
alle stesse, io suggerirei, come opzione “tattica”, di chiamare più
aziende (incluse quelle che propongono tecnologie di compostaggio, visto
che comunque ci dovrà essere la sezione di maturazione aerobica del
digestato, e che le “onde sonore” prodotte dal convegno potrebbero
stimolare anche l’iniziativa sul Tigullio, ove è previsto l’altro
intervento di Piano per la valorizzazione dell’organico) 2-3 aziende
sono sufficienti ad allontanare sospetti di collateralismo
Inoltre:
condivido che la finanza di progetto è uno strumento eccezionale per la
realizzazione degli interventi (il principale merito, a mio avviso, non
è tanto che un privato anticipa i capitali, che pure è importante – ma
non essenziale per quanto scrivo di seguito – quanto il fatto che in
questo caso chi fa la progettazione esecutiva è lo stesso che costruisce
e che gestisce, e questo evita la situazione che purtroppo spesso ci
troviamo ad affrontare in caso di criticità operative: ovvero, il
rimpallo delle respnsabilità tra tali 3 figure, se distinte, come nel
caso degli appalti di sola costruzione)
Dunque, la finanza di progetto è strumento eccezionale, dicevo, per
quanto sopra.
Non è invece l’unico strumento per affrontare gli investimenti. Perché
sinora parlando di “finanziamenti” abbiamo parlato essenzialmente di
quelli “a fondo perso” (Fondi UE o Regionali con contributi in conto
capitale). Ma con un Piano Industriale coerente con l’evoluzione
prevista (ed IMPOSTA!) dalla evoluzione delle strategie locali ed
Europee, non c’è a mio avviso alcun problema a richiedere fidi bancari –
alle banche nazionali o alla BEI (Banca Europea degli Investimenti) che
ora viene costretta dalla Commissione a non finanziare più gi
inceneritori e le discariche, e dare priorità a compostaggio e riciclo
(tanto che 2 anni fa ci commissionò uno studio sulle condizioni di
profittabilità degli investimenti in tali settori, ed AMIU era
individuato come uno dei potenziali destinatari di fidi, proprio perché
in una Città ed in una Regione in cui tali impianti ancora mancano…)
Tali finanziamenti non sarebbero “a fondo perso”, vanno restituiti, e
il relativo ammortamento entrerebbe (come pure nel caso della finanza di
progetto, in cui analogamente il privato richiede fidi alle banche per
affrontare l’investimento) nel costo industriale di esercizio
dell’impainto e dunque negli Euro/t della tariffa praticata al cancello,
ma questa sarebbe comunque inferiore (LARGAMENTE inferiore) a quanto
oggi i Liguri sono costretti a pagare per conferire l’organico fuori
Regione… I costi industriali “fisiologici” per compostaggio e
digestione oggi nel Nord Italia sono dell’ordine di 80-90 Euro/t per
l’umido, 30-40 per il verde, mentre Genova attualmente paga 110-120
Euro/t per l’ospitalità in impianti fuori regione…
Dunque, gli strumenti finanziari ci sono, e sono accessibili – ed il
quadro di riferimento costituito da Piano della Città Metroppolitana,
Piano Regionale, LR 20 e Dlgs 152 è più che solido per garantire il
ritorno di tali investimenti.
Categorie:Eventi

Passa in Consiglio comunale l’impegnativa per attivarsi al fine di predisporre dei Piani di emergenza anche per gli oleodotti

Piani di Emergenza Esterna, Comune in pressing per comprendere oleodotti. Piano per predisporre allarmi esterni
Passa in Consiglio comunale l’impegnativa per attivarsi al fine di predisporre dei Piani di emergenza anche per gli oleodotti e sistemi di allarme per la popolazione

Un Piano di Emergenza per gli oleodotti che attraversano il territorio comunale, e predisporre un sistema di allarme per avvertire la popolazione in caso di incidenti industriali con possibili ricadute sull’esterno. Questo è l’impegno che Comune di Genova ha preso, votando la mozione presentata da Antonio Bruno e Gian Piero Pastorino, di Federazione della Sinistra.

Il documento, votato all’unanimità dal Consiglio comunale, risponde a quelle che sono le principali esigenze di sicurezza emerse dopo l’incidente di Fegino dell’aprile scorso, quando la rottura di una tubazione dell’oleodotto Iplom riverso migliaia di litri di greggio nel Polcevera. Stando al testo, il Comune di Genova dovrà attivarsi affinchè sia emesso un Piano di Emergenza per gli oleodotti, soprattutto nelle zone vicine agli abitati. Ma non solo: il testo prevede che venga predisposto un piano per “far conoscere alla popolazione gli allarmi esterni”.

L’impianto di Fegino, come evidenziato dai documenti resi pubblici dalla Prefettura, è circondato da case, pre-esistenti all’impianto stesso: molte case sono all’interno della cosiddetta “zona rossa”, cioè quella area potenzialmente ad alto rischio in caso di incidente. La mozione approvata oggi vincola l’amministrazione comunale ad effettuare controlli per verificare le condizioni di sicurezza all’interno di queste abitazioni.

Il documento arriva mentre Prefettura, enti locali e organi di sicurezza sono al lavoro per predisporre i Piani di Emergenza Esterna aggiornati, colmando quindi una grossa lacuna della sicurezza cittadina.

Nicola Giordanella Era Superba

No alla privatizzazione di AMIU

Categorie:Amiu Tag:

Mozione su Iplom Fegino

 

Nella seduta del Consiglio Comunale di martedì 14 marzo p.v.verrà discussa la Mozione che abbiamo presentato insieme al consigliere Gian Piero Pastorino sull’impianto IPLOM di Genova Fegino.
Ecco il testo della Mozione:

Il Consiglio Comunale, 
premesso che nella zona di Fegino è presente un impianto IPLOM il cui piano di evacuazione elaborato dalla Prefettura di Genova (ivi allegato) prevede due Zone: 
– Rossa (immediatamente adiacente allo stabilimento, caratterizzata da una ricaduta di effetti nocivi comportanti una elevata letalità anche a persone mediamente sane), che coinvolge circa 300 abitanti e un plesso scolastico – asilo e scuole medie inferiori; 
– Arancione (caratterizzata da possibili danni, anche gravi ed irreversibili, per persone mediamente sane che non assumono le corrette misure di auto-protezione e da danni anche letali per le persone più vulnerabili (bambini sotto i 15 anni e anziani sopra i 65, malati, donne in gravidanza ..) che coinvolge altre centinaia di persone e attività commerciali; 
 
                                      impegna Sindaco e Giunta a 
  
– intervenire presso tutte le sedi competenti per avviare un processo di riconversione e bonifica dell’area con attività che non comportino esuberi lavorativi; 
– valutare le iniziative di competenza del Sindaco in quanto responsabile della Situazione Sanitaria del Comune; 
                                                nel transitorio:
 
 1.  attivarsi perché sia emesso un piano di emergenza dedicato per gli oleodotti in prossimità delle abitazioni, visto che il Piano Emergenza Esterno non considera gli oleodotti, la cui presenza come dimostrato negli ultimi mesi, al contrario, è pericolosa; 
 2.  Verificare l’attivazione del decreto 200 del 29.09.2016, che disciplina le modalità con le quali il pubblico interessato debba essere coinvolto nelle fasi di elaborazione del PEE per le industrie e attività soggette alla normativa Seveso III (decreto in vigore dal 18.11.2016), applicandolo ai procedimenti di approvazione – aggiornamento – revisione dei PEE in corso anche se iniziati prima; 
 3.  Controllare urbanizzazione Seveso II Seveso III per determinare elementi territoriali e ambientali vulnerabili (Il RIR del Comune di Genova individua come scenario probabile del deposito quello dell’incendio non prendendo in considerazione l’oleodotto) e verificare che venga preso in considerazione anche l’eventuale effetto domino; 
 4.  Predisporre un piano per far conoscere alla popolazione gli allarmi esterni; 
 5.  Approntare le norme per azzerare le emissioni odorigene, indipendentemente dai valori che potrebbero essere rilevati dalle centraline (vedi sentenza della Corte di Cassazione Sez 3, num. 12019 del 10.02.2015);   
 6.  Verificare le condizioni di sicurezza all’interno degli appartamenti coinvolti nella Zona Rossa.
 
                                                                       I consiglieri comunali
 
                                                                              Antonio Bruno
                                                                         Gian Piero Pastorino

Verbale di riapertura di gara appalto del servizio di ristorazione scolastica

Verbale di riapertura di gara per il conferimento in appalto del servizio di ristorazione scolastica di quattro zone di Genova: Media Val Bisagno, Bassa Val Bisagno, medio Ponente, Ponente.

Verbale seduta pubblica del 14.02.2017

Categorie:Uncategorized
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: